I soggetti con protesti a carico possono richiedere un prestito con delega?

I soggetti con protesti a carico possono richiedere un prestito con delega?

Parliamo di prestiti con delega e con cessione del quinto. Sono dei finanziamenti oggi molto gettonati che consentono di ottenere in breve tempo e in modo abbastanza semplice e veloce delle somme anche abbastanza elevate. La garanzia è concessa dalla propria busta paga, oppure dal cedolino della propria pensione, ed è determinata dal proprio contratto di lavoro, possibilmente a tempo indeterminato. Il rimborso avviene con una trattenuta sul proprio salario, in busta paga o nella pensione. 

Le somme di denaro che si possono ottenere con un prestito con delega possono essere anche più elevate rispetto a quelle previste nella classica cessione del quinto. Infatti, i prestiti con delega sono dei finanziamenti che consentono di ricevere delle somme di denaro di importi anche doppi rispetto alla cessione del quinto di tipo tradizionale. Verrà poi trattenuto un importo pari al doppio di quello previsto dai finanziamenti con cessione del quinto, senza superare però il 40% di ciò che si percepisce.

Soggetti con protesti a carico: chi sono?

Si definisce soggetto protestato, o con protesti a carico, un individuo che ha avuto dei disguidi finanziari in passato. L’atto del protesto viene redatto con la forma dell’atto pubblico e ha la forma di un decreto di tipo ingiuntivo. Tale atto viene poi registrato nel registro apposito dei protesti alla Camera di Commercio e dell’Industria. Questi titoli creditizi possono essere un assegno bancario oppure una circolare, ma anche la vaglia e la classica cambiale.

Tieni conto che si diventa protestati quando non si è stati capaci di rimborsare le rate del pagamento di un debito provvedendo ad un titolo di credito. Il protestato è un soggetto che risulta iscritto al registro dei protesti, proprio a causa del mancato pagamento dei titoli di credito. Nel momento in cui si emette una cambiale, vale a dire un assegno a favore di un terzo soggetto, al momento della scadenza questo soggetto presenta il titolo per poterlo riscuotere.

Se il versamento non viene effettuato dal debitore, la banca o il creditore può avanzare l’atto di protesto. Di solito, sono dei soggetti che non hanno una buona situazione economica e che non hanno una buona busta paga, ma non sempre è così. Si può essere protestati anche con un contratto di lavoro da dipendente a tempo indeterminato. Scopri cos’è e quali sono le principali conseguenze di un protesto.

I protestati possono richiedere dei prestiti con delega?

Solitamente, i soggetti con protesti a carico non hanno la possibilità di accedere a forme di credito presso banche e finanziarie tradizionali. Questo è dovuto al fatto che non sono considerati affidabili agli occhi di molti creditori. Nonostante ciò, sono comunque in grado di accedere a delle forme di credito di un certo tipo, soprattutto se dimostrano di avere una buona posizione lavorativa. Ad esempio, i protestati possono accedere alla cessione del quinto e, di conseguenza, anche ai prestiti con doppio quinto, chiamati anche prestiti con delega.

Il prestito con delega è una tipologia di finanziamento concessa principalmente a coloro che hanno già richiesto e ottenuto un prestito personale con cessione del quinto. È una soluzione di finanziamento che è pensata per coloro che hanno un contratto di lavoro a tempo determinato o indeterminato, ovvero ai lavoratori dipendenti. Possono essere concessi però anche ai soggetti che percepiscono una pensione mensile netta sufficiente per poter provvedere al rimborso delle rate mensili. Ci sono infatti dei requisiti specifici che sono richiesti per poter accedere a un prestito con delega.

Requisiti richiesti

Per poter accedere a un prestito con delega, se si è dei protestati, occorre però dimostrare alcuni requisiti precisi e specifici. Questi requisiti riguardano soprattutto la propria posizione economica. Bisogna essere dipendenti con un contratto di lavoro a tempo determinato o, meglio, indeterminato, oppure percepire una buona pensione. Se desideri approfondire cos’è il prestito con delega, leggi la guida.

Torna in alto