Patch cutanea, come funzione e perché può essere la soluzione definitiva alla calvizia

Patch cutanea, come funzione e perché può essere la soluzione definitiva alla calvizia

Negli ultimi anni sono sempre di più le persone che soffrono di calvizia. Stress, vita frenetica e alimentazione squilibrata sono solo alcuni dei motivi che contribuiscono alla perdita dei capelli. Secondo uno studio, gli uomini sarebbero più soggetti delle donne a soffrire di alopecia e calvizia. Ciononostante oggi, grazie alla patch cutanea, è possibile riavere una chioma splendente e folta. Il mondo delle protesi per capelli negli ultimi anni ha visto una crescita esponenziale di pazienti grazie a molti vip che, sui propri social network, hanno elogiato i risultati ottenuti da questa soluzione, considerata da molti rivoluzionaria. Puoi approfondire come funziona la patch cutanea rivolgendoti a esperti del settore.

Come funziona la patch cutanea

La patch cutanea è una soluzione alternativa al trapianto e consiste in una protesi che viene applicata sul cuoio capelluto, in particolare su quelle aree interessate dalla caduta dei capelli. La sua applicazione è indolore e conferisce alla propria chioma un aspetto naturale. La patch cutanea è composta da una base sottile e invisibile sulla quale vengono innestati i capelli, che possono essere sintetici ma anche naturali. Esistono diverse tipologie di patch cutanee e ciò che le differisce le une dalle altre sono i capelli utilizzati, il materiale che compone la base e la tipologia di innesto. Al di là di questo, è comunque fondamentale sottolineare che ogni soluzione sarà personalizzata e modellata sulla base delle esigenze della persona che riceverà la patch.

Durata e cura della patch cutanea

Una delle curiosità che stuzzica maggiormente chi viene a conoscenza della patch cutanea è la sua durata. In linea generale non esistono patch cutanee migliori di altre, ma è importante come viene curata da chi la indossa. Lo stile di vita, ma anche le caratteristiche proprie della persona influiscono sull’integrità di questa protesi. Nello specifico, ciò che condiziona la durata di una patch cutanea è:

  • Un pH alto del cuoio capelluto;
  • L’esposizione al sole;
  • L’utilizzo di alcool e solventi.

Se si utilizzano diversi accorgimenti, una patch cutanea può durare fino a diversi anni, tuttavia se si interviene periodicamente la sua durata sarà nettamente maggiore. Dopo circa quaranta giorni dalla sua applicazione, la patch cutanea deve essere asportata e pulita. È consigliabile che questa operazione venga eseguita da professionisti esperti del settore, perché con la manutenzione fai-da-te, se non si possiedono determinate conoscenze, si può correre il rischio di comprometterne lo standard estetico, o ancora peggio di rovinare del tutto la protesi.

Quanto costa una patch cutanea

Il prezzo delle patch cutanee varia a seconda di diversi fattori, quali l’estensione della zona da coprire, la tipologia di capelli scelta e la qualità della base. Può capitare spesso di imbattersi in rete in pubblicità ingannevoli che propongono protesi di ottima qualità a un prezzo conveniente tuttavia, per quanto questo trattamento non richieda l’impegno economico di un trapianto di capelli, non è un’operazione economica per i motivi che già abbiamo visto nei paragrafi precedenti: in primis per i materiali impiegati e poi perché prima dell’applicazione viene effettuato un vero e proprio studio, al termine del quale verrà realizzata la patch cutanea che più si adatterà al paziente.

A chi può essere applicata la patch cutanea

Questo trattamento può essere eseguito sia su una cute femminile che maschile. Siccome la sua applicazione non è invasiva o dolorosa, non sono stati registrati possibili effetti collaterali. Inoltre non dà origini a reazioni allergiche, tuttavia se si è a conoscenza di un’eventuale ipersensibilità a certi materiali, è possibile eseguire un test di verifica prima della sua applicazione.

Torna in alto